Gabriella Sorrentino | Il buon design è invisibile e ovvio
Co.design ha chiesto in un articolo a otto giudici di Innovation By Design Awards qual è la regola più importante per progettare. E io ve le traduco liberamente a partire da oggi in otto post.
design, progettazione
1628
post-template-default,single,single-post,postid-1628,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
caratteri tipografici che indicano la frase: il buon design è invisibile e ovvio

Il buon design è invisibile e ovvio

Molti designer hanno diversi principi a cui si ispirano. Dieter Rams ad esempio ne ha dieci. Raramente però questi principi vengono soddisfatti come dei dogmi assoluti.

Co.design ha chiesto in un articolo a otto giudici di Innovation By Design Awards qual è la regola più importante per progettare. E io ve le traduco liberamente a partire da oggi in otto post.

unoRuthia He, product designer per Facebook

«Il buon design è invisibile. Perché? Perché si progetta per risolvere un problema. Generalmente, il modo migliore per risolvere un problema è alleviare l’impatto negativo del problema e poi eliminare il problema stesso. In Facebook, non progettiamo per amore del design. Noi risolviamo i problemi delle persone. Alcuni dei nostri migliori lavori non si vedono!

primo piano di ruthia he, product designer per facebookIl buon design è anche ovvio. È come un buon film -le persone vedono la storia nel momento in cui succede, quando in realtà i personaggi, il plot, la sceneggiatura, le luci, i discorsi, e tutto il resto sono progettati per raccontare la storia senza dirti che te la stanno raccontando, come se fossero casuali. Il buon design dovrebbe anche spiegarsi da solo e far sentire alle persone che funziona in maniera naturale e non c’è un modo migliore affinché ciò avvenga. Questo per noi di Facebook è molto importante e il nostro obiettivo è lavorare esattamente come le persone si aspettano».

Leggi anche gli altri post relativi agli otto consigli per un buon design:

Ignora le mode

Rifiuta la mediocrità 

Progetta per emozionare 

Dichiara il tuo scopo in maniera onesta ed esplicita  

Gli utenti sono persone, non statistiche 

Il design non è per i designers  

Progetta per la grande idea