Gabriella Sorrentino | Collateral beauty
La cosa importante è l'amore, questo è il messaggio più importante che il regista del film, David Frankel, mette in scena in soli 97 minuti.
cinema, comedy, drama
1470
post-template-default,single,single-post,postid-1470,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
collateral beauty film con will smith

Collateral beauty

La cosa importante è l’amore, questo è il messaggio più importante che il regista del film, David Frankel, mette in scena in soli 97 minuti.

La storia

Howard, un giovane pubblicitario di New York, perde la figlia di soli sei anni. Si ritrova così costretto a convivere con il lutto; ci dev’essere un modo per ritrovare la forza di vivere. I suoi soci, che si scopriranno finti amici, scoprono le lettere che lui ha scritto al Tempo, all’Amore e alla Morte, così decidono di assoldare tre attore per fargli credere di essere impazzito e quindi incapace di prendere decisioni relative al futuro della grande società pubblicitaria che insieme possiedono.

La recensione

Il parallelismo più facile che salta alla mente è quello con il Canto di Natale di Dickens, calato in una New York contemporanea e sfavillante. La scenografia è perfetta, la fotografia, di Maryse Alberti, sublime. Il tema affrontato è uno dei più duri, ma la semplicità del linguaggio e la chiarezza espositiva alleggeriscono il cuore, favorendo una fraterna alleanza con il dolore del protagonista. Alla fine, tradito e abbandonato dai falsi amici che si ritrova, Howard insegna che di fronte a una tragedia del genere l’ordine delle priorità cambia, che tutto quello che prima contava ora non ha più senso, che è inutile anche arrabbiarsi se tutte le persone con cui hai condiviso profitti e successi ti voltano le spalle. Altri intrecci si dipanano nei brevissimi 96 minuti del film: la pena di un padre divorziato, quella di una donna che cerca l’inseminazione artificiale, un uomo in fin di vita per una malattia… Un cast di grandi nomi, Edward Norton, Kate Winslet, Keira Knightley, sui quali sovrasta l’incantevole interpretazione di Will Smith, ormai cinematograficamente maturo e così lontano dal dinoccolato principe di Bel-Air. una carica emotiva fortissima: «Hai ricevuto un dono con questa profonda connessione con il Tutto. Ti giuro che è tutta lì la bellezza inaspettata».

Il trailer

La colonna sonora

Coinvolgente anche la colonna sonora, a cura di Mychael Danna e Theodore Shapiro. Tra le canzoni, invece, le più belle:

Kaleo – Way down we go

Fink – looking too closely

Sharon Jones & the Dap-Kings – World of Love

Citazioni

Madeleine

La cosa importante è cogliere la bellezza collaterale che è il legame profondo con tutte le cose.

Howard

Amore, Tempo, Morte. Queste tre cose mettono in contatto ogni singolo essere umano sulla Terra. 

Da non perdere, solo se avete il cuore forte.

 

 

Tags:
, ,