Gabriella Sorrentino | Dichiara il tuo scopo
designer, copywriter, giornalista
design, communication, identità visiva, grafica, graphic, editoria, copywriting, gabriella sorrentino, giornalista, comunicazione, progetto, campagna di marketing
1689
post-template-default,single,single-post,postid-1689,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
ammunition design

Dichiara il tuo scopo

Dichiara il tuo obiettivo,  in maniera onesta ed esplicita è l’imperativo per chi lavora in Ammunition, dove si occupano di mettere in contatto imprenditori e design per produrre packaging, prodotti virtuali, identità aziendali, user experience e grafica.

Matt Rolandson,  partner di Ammunition 

«A nessuna delle persone con cui lavoriamo piace molto, ma io insisto sul fatto che bisogna investire tempo ed energia per articolare il vero scopo sul lavoro che facciamo per guadagnare. Molte persone inizialmente credono che per forza bisogna essere coinvolti in una causa sociale o ambientale, ma il punto principale è che siamo molto interessati nel fare dello scopo una componente esplicita e onesta del processo più di quanto sia importante lo scopo stesso. Voglio dire, cose semplici come ‘provare la soddisfazione personale di fare una buona birra’ o ‘prendere nota dei cretini della marca x’ sono ottimi esempi di obiettivo. Utile perché progettare cose e prendere decisioni sulla progettazione è follemente difficile. Ancorare la creatività, il processo decisionale e la leadership al senso dichiarato dell’obiettivo, può aiutare ad allineare velocemente i membri del team e dare definitivamente al processo creativo la spinta per entrare in orbita.

«Concentrarsi sullo scopo è utile soprattutto con le startup e le giovani aziende con cui lavoriamo. I founders non stanno solo provando a dare forma alla strategia di prodotto, ma stanno anche cercando di dare un tono alla loro organizzazione. Integrare le motivazioni esistenziali all’atto pratico di immaginare i nuovi prodotti e servizi è un buon modo per mostrare che questo proposito non è solo una simpatica cosa da fare culturale, ma una reale parte del processo stesso del business».

Leggi anche gli altri post relativi agli otto consigli per un buon design:

Il buon design è invisibile e ovvio

Ignora le mode

Rifiuta la mediocrità 

Progetta per emozionare 

Gli utenti sono persone, non statistiche

Il design non è per i designers  

Progetta per la grande idea