Skip to content
Apriamo gli occhi! è il progetto scuola di CBM Italia Onlus dedicato alle scuole primarie.

«L’obiettivo del progetto è fare in modo che i bambini sperimentino il valore dell’inclusione nella vita di tutti i giorni: ogni forma di discriminazione rende insormontabile non solo la disabilità, quella visiva in particolare, ma tutte le condizioni di vulnerabilità soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo», dichiara Valentina Simioli, referente per la Campania del progetto scuola di CBM, continuando: «Con l’utilizzo dei cinque sensi, i bambini svilupperanno nuove conoscenze e abilità attraverso il gioco, vivendo esperienze di solidarietà e cooperazione e imparando a prendersi cura della salute dei propri occhi.»

OBIETTIVO

Cbm Italia promuove infatti una campagna informativa sulla difficoltà di accesso alle cure oftalmiche nei paesi più poveri, perchè il senso della vista ha un valore unico e prezioso.

METODOLOGIA

E quale strategia migliore se non il gioco? Cbm Italia Onlus ha scelto di entrare nelle scuole per integrare il progetto di sensibilizzazione alla didattica tradizionale. Un metodo inclusivo dunque, all’interno del sistema scolastico: a tutti gli alunni viene garantita la possibilità di sviluppare e proprie potenzialità, che abbiano o meno una disabilità. Cbm lavora per l’inclusione, che diventa il cuore di una struttura valoriale più ampia, secondo canoni di crescita ed equità.

CONTATTI

Fondazione Sinapsi ha una relazione di cooperazione e fiducia con Cbm Italia Onlus. Per questo progetto potete scrivere una mail alla dott.ssa Valentina Simioli al seguente indirizzo:

valentina.simioli@cbmitalia.org
Progetto Scuola Cbm Italia Onlus


Altro da leggere

Illustrazione di Bruna Pallante: omaggio a Emily Dickinson
In Preludio a un bacio di Tony Laudadio, Emanuele racconta in prima persona la sua storia dolcissima, complicata e anche un po’ surreale. Emanuele è un barbone, un musicista solo che, per mantenersi, suona agli angoli delle strade, facendo innamorare i passanti della sua musica.
Illustrazione di Bruna Pallante: omaggio a Lady D.
Per chi progetta cose, dall’architetto che progetta case a chi, come me, progetta la comunicazione, il concetto di bellezza è indissolubilmente legato a quello di funzione d’uso: se una cosa funziona e raggiunge l’obiettivo per cui è stata pensata, allora è bella.
Skip to content