Skip to content
Share on facebook
Share on linkedin
Apriamo gli occhi! è il progetto scuola di CBM Italia Onlus dedicato alle scuole primarie.

«L’obiettivo del progetto è fare in modo che i bambini sperimentino il valore dell’inclusione nella vita di tutti i giorni: ogni forma di discriminazione rende insormontabile non solo la disabilità, quella visiva in particolare, ma tutte le condizioni di vulnerabilità soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo», dichiara Valentina Simioli, referente per la Campania del progetto scuola di CBM, continuando: «Con l’utilizzo dei cinque sensi, i bambini svilupperanno nuove conoscenze e abilità attraverso il gioco, vivendo esperienze di solidarietà e cooperazione e imparando a prendersi cura della salute dei propri occhi.»

OBIETTIVO

Cbm Italia promuove infatti una campagna informativa sulla difficoltà di accesso alle cure oftalmiche nei paesi più poveri, perchè il senso della vista ha un valore unico e prezioso.

METODOLOGIA

E quale strategia migliore se non il gioco? Cbm Italia Onlus ha scelto di entrare nelle scuole per integrare il progetto di sensibilizzazione alla didattica tradizionale. Un metodo inclusivo dunque, all’interno del sistema scolastico: a tutti gli alunni viene garantita la possibilità di sviluppare e proprie potenzialità, che abbiano o meno una disabilità. Cbm lavora per l’inclusione, che diventa il cuore di una struttura valoriale più ampia, secondo canoni di crescita ed equità.

CONTATTI

Fondazione Sinapsi ha una relazione di cooperazione e fiducia con Cbm Italia Onlus. Per questo progetto potete scrivere una mail alla dott.ssa Valentina Simioli al seguente indirizzo:

valentina.simioli@cbmitalia.org
Progetto Scuola Cbm Italia Onlus


Altro da leggere

Peppe Barra
Intervista a Peppe Barra — Figlio d’arte classe 1944, attore e cantante, Peppe Barra rappresenta un forziere di napoletanità tra rottura e innovazione, anticonformista e poliedrico.
Per la copertina Orione n. 22 "Genere", Illustrazione di Bruna Pallante, omaggio a Freddy Mercury
Orione è da sempre una rivista impegnata sul tema delle diversità, con l’obiettivo di fare cultura per scardinare convinzioni, stereotipi e pregiudizi, e insieme creare e percorrere una strada che porti all’inclusione di ogni persona.
Friedensreich Hundertwasser: Le je ne sais pas encore, 1960. Si trova al KunstHausWien di Vienna.
Anche quest’anno continuiamo il nostro progetto di apprendimento cooperativo nella scuola del Primo Circolo Didattico di Scafati — ritenuta ormai scuola polo in Campania per l’apprendimento cooperativo.
Skip to content