Skip to content
Share on facebook
Share on linkedin
La barriera corallina è morta. Abbiamo esaurito le risorse a nostra disposizione. La calotta polare si è sciolta, a causa del surriscaldamento globale (di cui industrie e abitudini alimentari carnivore sono la principale causa).

Nei mari ci sono più cotton fioc che pesci e ingeriamo fino a duemila minuscoli frammenti di plastica a settimana — sono 5 grammi, l’equivalente del peso di una carta di credito.[1] L’ONU dice che nei prossimi decenni fino a un milione di specie vegetali e animali è a rischio estinzione a causa delle attività umane. Ci stiamo comportando male: ospiti inadeguati del ventre che ci ospita, ne usiamo e abusiamo come più ci fa comodo, nel nome dell’industrializzazione, prima, e dell’ampliamento della tecnologia, poi. Se da un lato questo progresso sta distruggendo il pianeta, dall’altro è innegabile che ha contribuito all’aumento del benessere, in termini di comodità, servizi, spostamenti, comunicazioni, sicurezza… Peccato che però questo aumentato benessere sia riferito solo a una relativa collettività, aumentando di fatto anche il divario tra paesi industrializzati e terzo, quarto, quinto mondo. Il modello di sviluppo attuale antropocentrico, con il dominio dell’uomo sulla natura, ha senza dubbio compromesso l’ecosistema, andando a impattare su molti equilibri che senza la presenza umana si sarebbero sviluppati diversamente. Ma è anche vero che il dominio sulla natura è solo un’illusione: tsunami, terremoti, vulcani e spostamenti delle faglie non dipendono mica dall’uomo e no, non credo che siano manifestazioni di vendetta della nostra madre terra. È importante avere un comportamento etico e corretto nei confronti della natura — differenziare, utilizzare i mezzi pubblici, ridurre gli sprechi e scegliere materiali bio e non inquinanti; però non si può scadere neanche nel negazionismo totale della vita cui siamo abituati e da cui è difficile — se non impossibile — tornare indietro. Gli aborigeni con il loro stile di vita hanno impatto zero. Ma non hanno neanche la Cappella Sistina.

NOTE 

[1] AN ANALYSIS for WWF by Dalberg and The University of Newcastle, Australia: No Plastic in Nature: Assessing Plastic Ingestion from Nature to People — 2019


QUESTO ARTICOLO È STATO PUBBLICATO SU ORIONE N.17, “MADRE TERRA”, NELLA SEZIONE EDITORIALE — AGOSTO 2019

Per leggere il numero 17 di Orione, I supereroi, clicca qui.

Per leggere tutti i numeri di Orione, clicca qui.

L’articolo è disponibile anche qui.

Altro da leggere

logo monopoly
Arrivato in Italia solo nel ’35, il Monopoly è il gioco da tavolo che ha rivoluzionato le attività del boardergame. La storia del gioco da tavolo più diffuso al mondo inizia nel 1903, quando Elizabeth Magie inventa il gioco “The Landlord’s Game”: il gioco del proprietario terriero.
Maradona Bruna Pallante
Al carabiniere che andò ad arrestarlo, Maradona controllò il nodo della cravatta e gli disse: «Sistematelo bene, stai per entrare nella storia». Uno dei carabinieri che lo aspettava in macchina, appena Maradona entrò in manette, gli disse: «Coglione, eri l’idolo di mio figlio». Maradona rispose: «Coglione, l’idolo di tuo figlio devi essere tu».
Carlo Acutis
Paul Watzlawick nel suo prezioso “Pragmatica della comunicazione umana” teorizza, forse per la prima volta con una metodologia scientifica, una serie di assiomi che descrivono proprietà tipiche della comunicazione aventi importanti implicazioni relazionali.
Skip to content